lunedì 27 novembre 2017

LA MEZZA DI MILANO E LA MARATONA DI FIRENZE


26 novembre, è stata un’altra domenica di ubriacanti corse tra Milano e Firenze per Città di Opera. Ben 13 gli atleti impegnati nell’edizione di esordio della Milano Half Marathon sulle due distanze proposte, la 10k e ovviamente la 21k, nell’ordine; Biagi, Bressani, Borsetti, Caracciolo, Ferracini, Gagliardi, Montisci e Sartori nella 21k, mentre Astolfi, Palestri, Marzoli, Risatti e Podlesnik nella 10k.
A Firenze invece era di scena la regina delle corse, la Maratona con 3 nostri atleti presenti Merando, Turchet e Cimenti, quest’ultimo all’esordio su tale competizione.

Milano iscrizioni già chiuse da tempo e 6500 runners sul piede di guerra per quella che, siamo sicuri, diventerà una classica nel panorama podistico nazionale. Un parterre de roi da fare invidia alla prima della Scala, nessuno è voluto mancare all’evento milanese che ha potuto contare su nomi di caratura internazionale, uno fra tutto il campione europeo di maratona Daniele Meucci. Giornata ventosa e decisamente frizzante con raggi di sole lucenti ma deboli e stanchi come quelli al tramonto e un percorso piuttosto esigente da dover affrontare per i nostri atleti che si sono comportati molto bene in entrambe le distanze. Questi i risultati finali : 
Da sottolineare la bella prova dell’esordiente Sartori sia in qualità di neo atleta che sulla distanza impegnativa dei 21km, ottimo il suo 1h45’. Inoltre il secondo posto assoluto di Astolfi ad una manciata di secondi dal podio più alto nella 10k che semmai ce ne fosse ancora bisogno ha mostrato ancora una volta tutta la sua potenzialità. 32’01” per lui. 
 
Tutt’altra storia 300 chilometri più a sud nella rinascimentale Firenze dove acqua, vento e un freddo pungente hanno condizionato la gara dei nostri runner. Merando dopo due mezze maratone di fila ha pensato bene di fare en plein partecipando ad una delle manifestazioni più belle d’Italia e possiamo dire che aldilà del meteo avverso e di una lente persa durante il percorso ha portato a casa un altro invidiabile risultato 3h26’26” il suo ottimo crono finale. Anche per Turchet le cose prendono subito una piega imprevista, lui che ha già all’attivo 4/5 maratone non si era mai imbattuto in qualcosa di simile, ma nonostante il vento contrario e l’aria tagliente è riuscito a correre al suo ritmo con tenacia e voglia di essere più forte di tutto e tutti, tagliando il traguardo in 3h58’34”. Infine il debutto in questa distanza di Cimenti che dopo un’annata straordinaria , costellata di ottimi risultati e puntuali conferme ha deciso fosse arrivato il momento di suggellare con la maratona tale stagione. Ha condotto una gara esemplare, mantenendo un passo lineare, senza strappi rispettando maniacalmente le attese ad ogni intermedio. Correre a quella velocità di crociera controvento e con il freddo che entrava prepotente nelle ossa non è stato semplice. Anche per lui come per gli altri il meteo ha certamente reso il compito molto arduo, ma la voglia di arrivare per la prima volta sotto quell’arco è stata più forte della stanchezza, delle mani anestetizzate dal gelo, delle gambe dure come meloni, dei chilometri che sembrava non finissero mai.....è stata una grande cavalcata iniziata sotto il diluvio e finita tra timidi spiragli di sole con le braccia alzate verso un cielo che non è stato affatto clemente, ma che sembrava finalmente condividere tanta gioia. 2h56’44”. 
 
 
Luca Bordenga
Ufficio Stampa